Riunione società Settore amatoriale FCI Lombardia, 7 Novembre 2019

Milano 7 Novembre 2019

Si è tenuta in data 7 Novembre presso la Sala C del Palazzo Coni di Milano, una riunione delle società del settore amatoriale Lombardo, dove i responsabili della Commissione Regionale, capitanati da Gianluca Londoni e con la presenza del Consigliere Regionale Fabio Alberti, hanno fatto il riepilogo dell’annata appena conclusa, e posto le basi per la nuova stagione agonistica, dove entrerà in vigore il nuovo Disciplinare delle Scorte Tecniche, che rappresenterà una grossa novità soprattutto per gli Enti di Promozione, ed andrà a ribadire quanto già messo in campo dalla Federciclismo, tenendo ben presente come tale documento faccia parte del Codice della Strada e sia stato già pubblicato in Gazzetta Ufficiale: si tratta quindi di una regolamentazione riferita alle norme di circolazione stradale, e non a regolamenti sportivi di competenza FCI.

Di seguito viene riportato il verbale dell’assemblea, che ha visto anche presentare l’altra novità in casa Federciclismo, ovvero l’eliminazione della tessera plastificata, in ottica di adeguamento alla riduzione dello spreco di materie plastiche, ovvero la plastic free.

 

Verbale di Assemblea

Ad inizio riunione il responsabile della struttura tecnica amatoriale Gianluca Londoni ha salutato le numerose le società partecipanti ed ha presentato i componenti della Struttura presenti (Gen. Angelo Giacomino, Giuliano Ronzoni, Andrea Capelli, Fabio Fabiani, Gianluca Piazzai, Cristian Coladangelo, Luigi Vidali) e gli ospiti, il Consigliere Regionale Fabio Alberti, Maurizio Molinari ispettore di percorso del Giro d’Italia per RCS ed Alessandro Vanotti, il Direttore di Corsa Enrico Fontana. Presente anche il Presidente Provinciale di Como Franco Bettoni e in rappresentanza di Varese Igor Giaron .

Andrea Capelli, del team De Rosa Santini affiancherà il Gen. Giacomino per le attività riguardanti il settore GranFondo. Giuliano Ronzoni, in assenza di un Giudice di Gara ai Raduni Cicloturistici, Mediofondo Ciclosportive e Randonnée  (per decisione Federale della relativa struttura nonostrante le nostre controindicazioni) presenzierà per le attività di segreteria e stilo delle classifiche. Fabio Fabiani continuerà le attività organizzative per le gare amatoriali in salita.

 

Situazione movimento amatoriale – a. Nuovo Disciplinare Stradale

Maurizio Molinari ha portato la sua esperienza maturata al Giro d’Italia, confermando di fatto che anche RCS si trova a dover affrontare disuguaglianze comportamentali di comuni, province e prefetti nel concedere il nulla osta al passaggio lungo le specifiche strade. Spesso l’aiuto viene dalle società locali grazie ai rapporti instaurati con le istituzioni. Situazione confermata dal Presidente Provinciale di Como che ha portato come esempio le differenze tra le due Province di Como e di Lecco, con comportamenti contrapposti e spesso generati dal cambiamento dei responsabili. 

Enrico Fontana, in qualità di Direttore di Corsa ha ampliamente spiegato le novità del Disciplinare delle Scorte Tecniche che è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di Aprile ed è stato recepito anche dalle Prefetture de sarà operativo dal 1 Gennaio 2020:  

Sono in discussione alcune modifiche che coinvolgono argomenti legati all’ufficio unico di rilascio permessi in caso di più province coinvolte e quello relativo ad ambulanze e medico.

Su quest’ultimo argomento si è innestata una discussione, in quanto le direttive comportamentali di AREU verso il Direttore di Gara nel caso di incidenti differisce dal regolamento FCI (esempio: anche se c’è il medico, in caso di incidente che faccia mancare l’ambulanza in gara e che farebbe secondo FCI fermare la gara, AREU dice di poter continuare in quanto con il centro unico 112 tutte le ambulanze disponibili lungo il passaggio della gara sono preallertate ed interverranno nel caso di altro incidente). E’ un argomento che va approfondito sviscerando anche alcuni dubbi (i mezzi dedicati alla gara sono a disposizione diretta ed immediata della corsa,  gli altri sul territorio lo sarebbero? il presidio sarebbe “garantito” come in gara in tempi consoni?)

E’ stato confermato il numero di 4 Motostaffette fino a 200 partecipanti che poi sale gradualmente (nessun cambiamento rispetto a quanto noto).

Sì è discusso anche della chiusura traffico di 15 minuti e del fuori gara se superato dall’auto di fine gara: l’atleta deve togliere il numero anche sulla bici e deve rispettare il codice della strada. Nel caso di GranFondo amatoriali è stato introdotto il concetto di “Fine Manifestazione” che permette di mantenere in gara ed avere un tempo ed una classifica, anche all’atleta superato dall’auto di fine gara, pur dovendo rispettare il codice della strada.

E’ stato suggerito caldamente di organizzare riunione nelle gare amatoriali con gli ASA e con il personale a supporto nel percorso durante la chiusura e dopo affinché siano edotti ed allineati tutti sul comportamento da tenere.

Situazione movimento amatoriale – b. Rapporto con gli Enti

Attualmente l’unico Ente che ha avviato il primo corso sotto egida FCI per la formazione del responsabile della scorta tecnica è lo CSAIN, che in collaborazione con il Centro Studi Federale, ha indetto il primo corso per  Direttori di Corsa certificato da Federciclismo alla Scuola dello Sport del CONI (7-9 Novembre), così come richiesto dal nuovo Disciplinare delle Scorte Tecniche. Anche altri Enti hanno richiesto di sottoscrivere la convenzione con FCI per la predisposizione degli appositi corsi di formazione, che saranno organizzati nei prossimi mesi. Con l’Ente ACSI col quale nei mesi passati ci sono stati momenti di tensione, dopo un recente incontro chiarificatore, si sono create le basi per il rinnovo della convenzione nel 2020. Visto il precedente, l’attività di questo Ente sarà attenzionata e monitorata.

Fintanto che gli Enti non avranno personale formato e certificato (Direttore di Corsa, ASA, ecc…), potranno organizzare manifestazioni solo con la presenza di personale tesserato FCI.

Durante la discussione il Presidente Provinciale di Como, supportato dalla presenza di chi è coinvolto in prima persona, il Sig. Luisetti della Fondazioen Casartelli, ha richiesto di analizzare la forma migliore per rilanciare una manifestazione importante ai fini solidali, quale la Fabio Casartelli che negli ultimi anni ha avuto una perdita considerevole di partecipanti (dalle migliaia a poche centinaia).

E’ stato proposto un incontro ad hoc per valutare le modalità organizzative per un rilancio

Novità 2020 – a. Plastic Free

A partire dalla nuova stagione di Affiliazione/Tesseramento 2020 che dovrebbe partire il 20 Novembre prossimo le tessere saranno solo in formato elettronico e non più in plastica.

All’atto del tesseramento dovrà essere indicata una mail per qualsiasi tesserato (inclusi i membri del Consiglio Direttivo): viene richiesto ai Presidenti di Società o a chi da loro delegato alle attività amministrative, di verificare la correttezza dell’indirizzo di posta elettronica e che sia comunicato in tempo reale qualsiasi cambiamento.

Verrà presentato un portale nuovo a cui accedere per avere la tessera sia su cellulare che su PC: chi oggi già è registrato manterrà le stesse credenziali.

E’ opportuno che le foto siano realistiche ovvero scattate in un range di età vicino all’età del tesserato; sarà possibile per il tesserato cambiare la foto ed eventualmente scattarsi un selfie ed inserirlo.

La tessera avrà un ulteriore campo: quello di inserimento di un numero per chiamate d’emergenza. Questo comparirà nella stampa elenco tessere che il direttore sportivo consegnerà alla partenza.

La tessera può essere stampata in pdf, presenta fronte e retro della tessera stessa. Per il settore Master/CT/CSP non avvezzo all’informatica o che non abbia a disposizione smarthphone abbiamo chiesto al ufficio informatico federale che la società possa avere a disposizione un pulsante che permetta di stampare in pdf su pagina singola con una sola operazione tutte le tessere selezionate, attualmente non possibile.

Sempre per quanto riguarda il settore amatoriale, viene chiesto alle società di dare indicazione ai propri atleti di stampare la tessera su supporto cartaceo, onde evitare rallentamenti nelle operazioni di iscrizione alle manifestazioni, sia con egida FCI che con organizzazione a cura degli Enti di Promozione.

Nel documento allegato, viene riepilogato quanto presentato: un vademecum più completo verrà reso disponibile direttamente alle società e sul sito federale all’apertura.

Durante la riunione è stato sollevato l’annoso problema del certificato medico scaduto e non rinnovato dal tesserato e della necessità di avere ripristinato sul Fattore K il campo dove inserire tale dato in modo da avere un flag automatico. L’argomentazione in passato a giustificarne l’eliminazione è stata quella legata alla privacy (GDPR); la struttura tecnica proverà a ripresentare la richiesta.

E’ stato suggerito un comportamento al Presidente al fine di tutelarsi in un caso simile: lettera al tesserato che dalla mezzanotte successiva alla data di scadenza senza evidenza di rinnovo è da considerarsi non più tesserato alla società nè coperto dall’assicurazione ed in parallelo la richiesta al Comitato Provinciale di riferimento di procedere verso l’ufficio Tesseramento per la sospensione del tesserato in questione.

Onde evitare il rischio che qualche atleta si “dimentichi” di consegnare alla società la visita medica, viste le nuove procedure al momento della riunione, viene suggerito di effettuare la richiesta di tesseramento solo DOPO aver acquisito il certificato stesso: avendo l’atleta la possibilità immediata di acquisire su pc o smartphone la tessera, una volta avvenuta la validazione da parte degli organi Federali, la società si potrà così tutelare da eventuali problematiche collegate all’acquisizione del documento.

Novità 2020 – b. Proposta modifiche regolamentari da inviare a Roma

Nel documento allegato, sono elencate le proposte che vorremmo portare avanti verso le strutture federali e che se accolte non potranno che essere implementate dal 2021. Toccano il costo affiliazione, la riduzione tessere del settore amatoriale, la revisione del relativo costo, la tassa unica per gare plurime dell’organizzatore nello stesso giorno, le regole dei campionati Italiani CT/CSP).

Un suggerimento è stato posto in platea (soc. Pedale Arcorese) per cercare di non perdere giovani tesserabili come Juniores nella fascia di età dove gli impegni scolastici potrebbero cozzare con le necessità delle società: poterli tesserare come Junior Sport e permettere loro una volta superati gli impegni scolastici di poter partecipare a gare Juniores in promiscuità per confrontarsi ed al fine di poterli poi reintegrare nella categoria.

 

Prima raccolta manifestazione di interesse per l’organizzazione di manifestazioni amatoriali nel 2020

A breve verrà fatto il primo incontro con gli ENTI per cominciare a ragionare sul calendario dell’Assise Lombarda, che sta destando oramai grande interesse presso i cicloamatori. A tal proposito sono state invitate le società ad inviare proposte in merito alle gare amatoriali. Vengono riconfermati i vari trofei già in essere (Scalatore, Giro di Lombardia e Campionato Lombardo Randonnèe).

Per quanto riguarda le Randonnée il calendario è già a buon punto, beneficiando anche dell’inserimento della maggior parte di manifestazioni all’interno del Calendario ARI.

Scarica qui la documentazione presentata in assemblea in formato PDF

Prima del termine della riunione, è stato ricordato da Andrea Capelli l’evento di Giovedì 14 novembre 2019 alle ore 20:00 presso la Sala A del palazzo del CONI, in Via Piranesi 46 “Usa la testa! Pedala col Cuore!”, sulla consapevolezza e prevenzione cardiologica per tutelare la salute del ciclista.

 

 

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi